Chi siamo

Il progetto Educinema racchiude una grande opportunità: la possibilità di praticare in modo consapevole, con la leggerezza e con la versatilità delle nuove tecnologie digitali, la ricerca e il desiderio di avvicinare nuovamente il vissuto dei giovani spettatori al piacere e alla cultura del cinema, come esperienza intensa e collettiva, come traccia per la scoperta della storia del grande cinema italiano e internazionale.

«Ci sono stati anni in cui andavo al cinema quasi tutti i giorni e magari due volte al giorno»

Così scrive Italo Calvino in Autobiografia di uno spettatore, il testo apparso per la prima volta come introduzione al volume di sceneggiature Quattro film di Federico Fellini.

«Anni in cui il cinema è stato per me il mondo. Un altro mondo da quello che mi circondava, ma per me solo ciò che vedevo sullo schermo possedeva le proprietà d’un mondo, la pienezza, la necessità, la coerenza, mentre fuori dello schermo s’ammucchiavano elementi eterogenei che sembravano messi insieme per caso, i materiali della mia vita che mi parevano privi di qualsiasi forma. Il cinema come evasione, si è detto tante volte, con una formula che vuol essere di condanna, e certo a me il cinema allora serviva a quello, a soddisfare un bisogno di spaesamento, di proiezione della mia attenzione in uno spazio diverso, un bisogno che credo corrisponda a una funzione primaria dell’inserimento nel mondo, una tappa indispensabile d’ogni formazione.»

Per Calvino – e per intere generazioni di spettatori – il cinema ha rappresentato la possibilità di leggere, nella necessità di uno sguardo distante dal reale, eppure così prossimo all’interpretazione della realtà, le contraddizioni della nostra esistenza, collettiva ed individuale.

Educinema si propone di riportare l’attenzione su un modo di intendere e di conoscere il cinema che non faccia affidamento solo all’assuefazione al consumo imposta dal mercato ma che veda, nella testimonianza dell’interesse che la scuola ha sempre mostrato nei confronti della cultura e del linguaggio del cinema, la necessità della propria presenza e del proprio ruolo.

La metodologia

I materiali presenti in Educinema potranno essere utilizzati nella didattica curricolare e prevedere un’articolazione variabile in relazione alla tipologia di attività che saranno programmate. Il coordinamento didattico garantirà il supporto alla progettazione degli interventi didattici nelle cinque scuole selezionate per gli incontri in presenza, che saranno realizzati in collaborazione didattica con i docenti referenti. La partecipazione delle scuole al progetto prevede infatti la formale adesione all’iniziativa e, se possibile, il suo inserimento nel Piano dell’offerta formativa, in via di definizione in queste prime settimane dell’anno scolastico.

All’interno di Educinema la collaborazione con i docenti sarà davvero fondamentale: nell’offrire riscontri, suggerimenti e indicazioni funzionali alla complessità degli argomenti trattati e nell’integrare le testimonianze degli autori e dei grandi professionisti del cinema con una visione dinamica e consapevole del cinema come processo creativo e come prodotto dell’industria culturale.

La disponibilità, anche su supporto video, dei materiali didattici presenti on-line garantirà la piena fruibilità delle videolezioni anche in situazione scolastica e l’eventuale integrazione delle consuete attività riservate all’area didattica del cinema e linguaggio audiovisivo, che potranno contare sulla realizzazione di almeno due incontri, in presenza, con un critico cinematografico.

E’ partendo da queste premesse che possiamo parlare di Educinema come di un progetto formativo rivolto ai docenti, che partendo dalla condivisione del progetto e della sua strumentazione di base, concordando le fasi successive di lavoro potranno, con le proprie riflessioni e integrazioni, rendere questo programma replicabile in altri contesti e in altri istituti.

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS